Categorie
projects

Insolitaria #1

Insolitaria #1

Incontro con In Itinere Musica Medievale a
Pergine Valsugana (TN) 30-31 luglio 2022

Podcast

Diario di viaggio

Arrivo a Pergine Valsugana  in tarda mattinata. È una bella giornata di sole, calda ma piacevole. La città si appresta lentamente ad iniziare il programma di eventi che la vedono per tre giorni vestita di bardi antichi, quelli medievali. Il centro storico è chiuso al traffico e sulle vie si alternano banchi di artisti, artigiani, appassionati degli costumi e della cultura del medioevo. I “rievocatori”espongono le loro merci da mostrare e vendere oppure dimostrano mestieri antichi con strumenti riprodotti “alla maniera medievale”. 

Mentre il castello imponente ci guarda dall’altro trovo il banco espositivo di Bertino e Chiara. Loro stanno già suonando, vestiti con vesti che ricordano i musici medievali. Abbraccio subito Bertino, mio primo contatto e poi saluto Chiara. Siamo felici finalmente  di incontrarci di persona dopo esserci solo sentiti tramite i mezzi social.

È un piacere per me conoscere colui che l’anno passato mi ha venduto quella che è ora diventata la mia viella! Dopo esserci sempre tenuti in contatto finalmente tramite il progetto INSOLITARIA siamo riusciti ad incontrarci dal vivo.

Bertino è visivamente emozionato a rivedere la sua vecchia viella, lo ammette. 

Andiamo subito in una sala riservata per le nostre prove. Suoniamo insieme alcuni pezzi. Troviamo subito una bella intesa musicale ma soprattutto tanta gioia nel suonare finalmente insieme. 

Dopo la prova li lascio tornare al loro banco dove la gente, bambini e passanti, si fermano ad osservare la loro collezione di strumenti antichi e Chiara dà loro qualche indicazione storica, curiosità e invita i bambini a toccare e provare gli strumenti.

È un lavoro certosino il loro, fatto di grande passione e quotidiano studio e messa a punto degli strumenti, della scelta del repertorio da suonare, della ricerca di storie, aneddoti legate al tempo o alla musica che suonano. Niente è lasciato al caso.

Lascio la città per dirigermi verso il castello. È in corso la grande battaglia che vide i Perginesi ribellarsi al Tiranno capitano Fugazza.  Siamo nell’anno 1348. 

Uomini corazzati e armati si sfidano per la conquista della valle. Dopo una serie di combattimenti simulati, viene nominato il vincitore. 

A questa battaglia partecipano diversi gruppi di “rievocativi” cioè gruppi di persone o associazioni appassionate dei costumi e della storia medievale che partecipano a questo tipo di feste vestendo per un fine settimana letteralmente i panni di uomini vissuti nel 1348. 

 

È piacevole sapere che i vari gruppi vengono da città diverse, a volte da altre regioni d’Italia  ma che in quei giorni saranno tutti cittadini della stessa città.

Ritorno quindi nel centro città. Anche i locali e i ristoranti per tre giorni cambiano veste  e propongono cibi di derivazione medievale.

Per le strade si vedono i soldati tornare e si sente il suono di cornamusa che ha accompagnato la battaglia.

Tutto è pronto per il nostro concerto. Nel cortile del Palazzo Comunale è stato allestito un piccolo palco per noi. La gente si raduna in fretta e iniziamo a suonare. I canti si susseguono velocemente a volte intramezzato da storie raccontate da Bertino e Chiara. 

Tante emozioni e divertimento nel condividere musica che amiamo con un pubblico curioso e attento. Tra di loro anche i miei fratelli con la loro famiglia e una coppia di amici che arrivati a sorpresa per salutarmi. Anche questo è  l’effetto collaterale della musica.

Concludiamo la serata con chiacchiere piacevoli in uno degli stand gastronomici allestiti per l’occasione e poi ci diamo appuntamento per il giorno dopo per registrare l’intervista.

Il mattino dopo ritrovo Bertino e Chiara nella loro postazione di esposizione. Intorno a noi il rumore festante della gente che passeggia tra le vie della città, i tamburi dei soldati e lo sguainare delle spade, un cane che abbaia. 

Registriamo la nostra intervista e poi ci salutiamo con un abbraccio forte ancora intrisi delle note e delle emozioni di questi due giorni insieme in questa splendida città.

Grazie Bertino, grazie Chiara, grazie In Itinere Musica Medievale e grazie affascinante Pergine Valsugana!

Link:

Per conoscere meglio la storia medievale di Pergine e il calendario eventi: 

https://www.festemedievaliperginevalsugana.it

 

Per conoscere meglio Bertino, Chiara e In Itinere Musica Medievale:

https://initineremusicamedievale.com 

Curiosità

A 5 Km da Pergine Valsugana si trova Montagnana di Pinè, un piccolo paese che oltre ad essere famoso per alcune apparizioni mariane tra il 1729 e il 1730, è conosciuto per la “strada magia”: un effetto ottico per cui la strada che termine con un incrocio sembra alla vista in discesa ed invece è in realtà in salita.  Alla vista appare leggermente in pendenza, mentre invece si dimostra il contrario. Mettendo il folle la macchina infatti questa indietreggerà. Non di rado si notano auto che testano il bizzarro effetto ottico e curiosi che versano bottiglie di acqua sulla carreggiata. 

Ammetto che ho fatto anch’io la prova con la macchina in folle ed è effettivamente un effetto straniante. Se siete da quelle parti, provateci anche voi! 

Ecco la posizione:    46°06′06.984″N 11°14′10.248″E

Qui troverete tutte le strade magiche d’Italia:

https://it.wikipedia.org/wiki/Salita_in_discesa#Esempi_in_Italia


Categorie
projects

Insolitaria

INSOLITARIA: introduzione

INSOLITARIA #1

incontro a Pergine Valsugana con
ITINERE MUSICA MEDIEVALE
30.07.2022

Il Progetto

INSOLITARIA è un progetto itinerante che unisce musica, persone, artisti, luoghi, condivisione, scambio senza barriere mentali e culturali.

È incontro, condivisione, scambio: tra musicisti e artisti vari, ambiente, luoghi, persone.

È scambio tra arti e musiche che vengono da generi e stili diversi ma compatibili; è incontro e dialogo tra le persone, spesso troppo polarizzate.

Dopo un lungo periodo di forzato individualismo, ora è necessario tornare a stare insieme, ritrovare il collettivo anche se a volte diverso da noi.

“L’uomo non incontra gli uomini e si rivolge ad essi nel mondo e a partire da esso, bensì incontra il mondo e si rivolge ad esso “negli uomini” e a partire da questi» (K. Lowith)

A partire dall’autunno 2022 (con una piccola anticipazione in estate) e per tutto il 2023 partirò da Berlino (città dove vivo attualmente) verso l’Italia. Incontrerò musicisti, ensemble, cori, attori, poeti, artisti visivi. Suoneremo insieme, parleremo di musica, di arte, di storie. 

Gli incontri si svolgeranno in un luogo particolare scelto dall’artista ospite.

Un incontro in un un bosco, un museo, una piccola chiesa antica, una biblioteca, una galleria , una casa, una piazza un posto legato in qualche maniera all’artista coinvolto.

(sono quindi caldamente invitate amministrazioni comunali, associazioni culturali, fondazioni, o persone creative e propositive che vogliano aiutare l’organizzazione). 

Per incontrarci, far conoscere la nostra bella Italia e i tanti volti ed artisti  che lavorano con dedizione e cuore.

Per ogni incontro verranno creati dei mini-podcast con le interviste fatte agli artisti e persone coinvolte, per raccontare la loro storia artistica, i loro progetti, le loro idee. Un diario di viaggio sarà poi visibile nel blog dell’evento.

Ogni ospite lascerà un regalo (piccole opere artistiche, poesie, testi, musica) che diventerà in seguito musica per l’album che andrò a registrare e altre ricompense per il crowdfunding al quale il progetto sarà legato. La raccolta fondi servirà a coprire le spese del progetto e a istituire un Premio dedicato a Valeria Bruniera, cantante recentemente scomparsa. Il Premio verrà assegnato ad un musicista o cantante particolarmente meritevole per qualità musicali e umane.

Questo progetto è al momento interamente finanziato  da me. 

Il sostegno in qualsiasi forma e l’accoglienza da parte delle comunità locali e amministrazioni comunali dove andrò a visitare sono ben gradite e potranno così diventare parte integrante del progetto.

Per informazioni potete scrivermi: tamara.soldan@gmail.com

Se invece volete già da ora sostenere me e il progetto, potete donare tramite Paypal con causale “donazione Insolitaria”, clicca qui:

Riceverete la vostra ricompensa non appena verrà attivato il crowdfunding legato al progetto.

Come è nato Insolitaria

Questo progetto nasce a seguito di un concerto che ho organizzato lo scorso Natale insieme ad un coro.

Un vero e proprio incontro e scambio musicale con un programma che alternava brani del loro repertorio, alcuni brani del mio repertorio in solo e altri che abbiamo eseguito insieme trovando il giusto dialogo. 

Un concerto che ha sprigionato energie nuove, rinnovate perché compartecipate. E il pubblico ha assorbito a piene mani e orecchie questo effetto tanto che molte persone sono venute a ringraziarmi, non solo per la musica ma per il senso comunitario percepito in quel periodo, ancora fortemente legato alle restrizioni corona, e sentito come necessario.

È scattata una molla: dovevo sviluppare questa idea nata spontaneamente e portare con sé il messaggio chiaro di sensibilizzare il dialogo artistico e personale tramite la musica.

Nei mesi successivi ho cercato quindi una forma che potesse esprimere al meglio questo messaggio e che andasse direttamente dalle persone e dagli artisti coinvolti nei luoghi dove abitano o operano. Ecco che è nato il progetto Insolitaria.